Né di Eva né di Adamo – Amélie Nothomb

Una storia autobiografica, una storia d’amore ambientata in Giappone, un Paese dove l’autrice ha trascorso l’infanzia e dalle sue parole, dalle pagine di questo libro, sgorga il suo immenso amore per questa cultura così particolare. Una scrittura che riesce a strappare sorrisi in chi legge. Grazie al suo stile semplice e chiaro, vero, nel mostrare, a chi non ne è a conoscenza, una tradizione distante da quella occidentale ma paradossalmente vicina e comprensibile. Grazie alla forza della sua narrazione, la Nothomb costruisce parola dopo parola, concetto dopo concetto, un ponte tra le due culture. Un messaggio importante ora più che mai; l’accogliere culture diverse cercando di comprenderne il punto di vista. La nostra dovrebbe essere una cultura fatta di ponti di parole. Creiamo ponti, creiamo legami.

Lupo racconta la SMA – Jacopo Casiraghi

Benvenuti in un mondo misterioso, un mondo ricco di storie, di gioia, di speranza e di arcobaleno. Quella raccontata da Jacopo è una storia, un insieme di dodici favole che coinvolgono il lettore fin dalla prima pagina. Con uno stile di scrittura semplice e fluente che trascina chi legge in un turbinio di peripezie e avventure, mostrando il mondo dell’Atrofia muscolare con una chiave diversa, giusta e positiva. Il tutto mostrato dai disegni e le illustrazioni di Samuele Gaudio.

La strada perduta – Mauro Orefice

Un romanzo sui valori umani, su quei valori che dovrebbero rappresentare la base per una società equa e giusta. Un libro denuncia contro l’iniquità presente in tanti, troppi, aspetti della vita quotidiana: dal lavoro all’amore, dallo sport alla guerra. Un panorama che affronta e si sofferma su particolari problematiche con sincera semplicità.